L’iconica Serra Yilmaz, musa di Ferzan Ozpetek, nei panni di Sancho Panza

Ai microfoni di Radio 104 abbiamo avuto il piacere di avere l’iconica attrice Serra Yilmaz, volto noto del Cinema grazie ai numerosi film del regista Ferzan Ozpetek. Ferzan Ozpetek l’ha fortemente voluta in diversi suoi film, perché Serra Yilmaz è un’attrice che pone l’accento su note ben precise. 

 

Nata a Istanbul, cresciuta in Francia, oggi vive a Firenze anche se, come lei stessa afferma nell’intervista, grazie al suo lavoro di attrice è sempre in gro per il mondo.

L’abbiamo intervistata a This Morning perchè in questo periodo è in tour con lo spettacolo teatrale Don Chisciotte insieme al collega Alessio Boni.

Qui di seguito il podcast per ascoltare l’intervista:

Intervista Serra Yilmaz

Don Chisciotte nell’adattamento di Francesco Niccolini, liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra, è passato da Savona, al Teatro Chiabrera, il 19-20 e 21 novembre.

La nostra chiacchierata su Don Chisciotte e sulla sua straordinaria interpretazione di Sancho Panza hanno permesso di spingerci più in là chiedendo all’attrice di spendere qualche parola sul suo spettacolo GRISELIDIS:MEMORIE DI UNA PROSTITUTA di Coraly Zahonero dall’opera di Griselidis Real  (traduzione Serra Yilmaz e Alberto Bassetti). “Questa storia mi ha fatto porre delle domande che non mi ero mai posta. La prostituzione non sparirà mai e, per una donna, prostituirsi non è mai una scelta”.

Grande successo nei festival e teatri francesi, il testo, adattato dall’attrice della Comédie-Française Coraly Zahonero, narra le memorie della prostituta franco svizzera Griselidis Real, che si impegnò per la legalizzazione della prostituzione in Svizzera e per i diritti delle prostitute francesi.

Un argomento di toccante attualità. Griselidis Real è morta di tumore nel 2005 a Ginevra, è stata autrice, pittrice, attivista per i diritti delle prostitute, partecipò anche a un talk show negli USA.

Lo spettacolo illustra, in modo crudo e realista, l’approccio del cliente con una prostituta, la protagonista unisce l’umiliazione della donna a quella dell’uomo in uno spaccato psicologico e umano di raro verismo.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Invia il tuo whatsapp alla diretta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi